Si è conclusa oggi la prima edizione della Settimana della Moda. Yaniv Persy, Dorit Bar Or, Sasson Kedem, Galit Levi, Alon Livne e Gideon Oberson: i grandi stilisti israeliani in passerella per raccontare una moda che guarda oltre i confini. Alla prima edizione della Settimana della Moda di Tel Aviv (21-23 novembre) hanno partecipato oltre venti designer israeliani, tra giovani talenti e nomi affermati. Ormai la moda israeliana si è ritagliata uno spazio anche nello scenario internazionale e adesso ha una Fashion Week tutta sua, come Parigi, Milano, Londra e New York, per chiudere il cerchio del Fashion System locale che si fa strada all’estero.

 

Guest Star Roberto Cavalli. Ospite e padrino, non a caso, Roberto Cavalli. La sua sfilata ha infatti inaugurato la Fashion Week telavivi, alla Tahana di Neve Tzedek (la vecchia stazione ferroviaria trasformata in polo culturale e artistico per i 100 anni della città). “Vi amo tutti”, ha detto in ebraico perfetto lo stilista toscano. E lui Israele la ama davvero. Da giovane ha vissuto in kibbutz, parla l’ebraico, ha molti amici in Israele (come la famiglia Dayan) e alcuni designer israeliani hanno collaborato con lui.

Talento e grandi tagliatori. Lo Shenkar College di Ramat Gan è una delle scuole di moda più apprezzate al mondo, da cui sono usciti molti talenti, come Alber Elbaz di Lanvin. “Israele della moda ci offre una scuola di grandi tagliatori” dicono gli italiani del settore che hanno partecipato all’evento. Qualità e talenti apprezzati anche in Italia: da due anni la borsa di studio della Diesel di Renzo Rosso (una delle più ambite) l’hanno vinta proprio gli studenti israeliani.

Italia e Israele, un accordo di partnership sulla moda. Durante la Fashion Week il presidente di Camera nazionale della Moda Italiana Mario Boselli e il Presidente di “Tel Aviv Fashion Week” Lev Ofir, alla presenza dell’Ambasciatore Luigi Mattiolo, hanno siglato un accordo di partnership tra i due paesi con l’obiettivo di “promuovere una collaborazione per mantenere in armonia le date dei calendari della moda e favorire lo scambio di esperienze e informazioni nel settore della moda fra Italia e Israele”.